Oggi è ...

«  dicembre 2018  »
lmmgvsd
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31 

Login




Prossimi Eventi

Non ci sono eventi al momento.

Chi è online

 48 visitatori online

Babbo Natale 2015

 

Babbo Natale ar Laghetto de l'Eur incontra le Dragonfile

Dialettali


Babbo Natale, poro disgrazziato,
co’ slitta, erfi e renne in avaria,
è atterato mezzo ciancicato
sur lago finto de ‘sta Roma mia.

Neanche sto a elencà le parolacce
che so’ sortite fora da la bocca!
“Mannaggia er Vuvvueffe e ‘ste bestiacce
ve possino ammazzà a chi tocca, tocca!

Ve pare er modo questo de inchiodà,
all’Eur, sopra un lago artificiale!
Ma lo sapete che nun so’ notà?
Io quanno vedo l’acqua me pja a male!

Io vivo in una baita, in montagna,
co’ giubba rossa, barba e stivaloni.
Pe’ guasi tutto l’anno è ‘na cuccagna
nisuno che me rompe li cojoni!!

Poi, ariva la viggija de Natale,
e sfreccio come un matto su li tetti
e devo da portà, ner bene e male,
le strenne a ‘na cifra de pupetti!

Anvedi, quele donne tutte rosa...
che sfrecceno ner lago annanno a tempo!
Pagajeno su ‘na barca curiosa...
ma guarda un po’ che strano passatempo!!

Signore, perdonate l’intrusione.
Io nun me ‘mpiccio mai... ma so’ curioso,
vorebbe da sapè quale occasione
ve fa sta ‘nzieme unite drent’ar COSO!!”

La capitana, Pia, che sarvognuno,
cià una parlantina da primato,
pja la parola e spiega der raduno
ar Babbo Nazzionale imbarzamato!

“Noi fàmo parte de l’ABBRACCIO ROSA,
scampate tutte quante a TESTASECCA
e combattemo pe’ la stessa cosa:
sconfigge er cancro... senza fa cilecca!!

Noi sèmo fortemente motivate,
annamo avanti a còrpi de pagaja.
Noi stamo qua in inverno e in estate
nisuna mai desiste e se la squaja!

Visto che sei venuto n’approfitto,
a nome de tutte, pe’ un mijor futuro,
chiedemo che er cancro, ormai sconfitto,
vada pe’ sempre a pjassela ‘n der culo!!

Sarebbe, sicuro, la strenna più agognata
er grosso regalo all’umanità...
quarcuno ‘sta patacca cià ammollata
ma solo tu la pòi riparà!!”

“Mia cara Pia, ne pijerò coscenza,
devo sentì un BABBO un po’ più vecchio.
Ha già sconfitto virus e pestilenza
e messo morbi e piaghe dentr’ar secchio.

LUI è bono, tollerante, un galantomo!
capace de CREA’ pure dar nulla...
se jelo chiedo io de fa ‘sto dono
LUI t’accontenta... mia dorce fanciulla!!

Annamo, daje, renne scureggione!
Se torna ar Polo! Dateve da fa’!
Ma fàmo prima tappa ar PORTONE
de quel’AMICO che me sta a aspettà!”

Autore:

Sabrina Balbinetti

Poesia pubblicata il 16/11/2015
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information